fbpx
Tempo di lettura 4 minuti

Nuovo allarmante Report Onu sulla biodiversità L'EcoPost – Una guida alla sostenibilità

Ascolta il podcast introduttivo dell'articolo!
  1. Nuovo allarmante Report Onu sulla biodiversità
  2. Facebook e Google verso una svolta green?
  3. Riciclo pannelli solari: scoperto nuovo metodo per valorizzare il silicio dei dispositivi dismessi
  4. Neve artificiale, sempre più necessaria
  5. Italia secondo esportatore UE di pesticidi

La data segnata in rosso sul calendario è quella del 14 settembre. Dopo mesi di interruzione delle lezioni in presenza, decisione dovuta alle misure per contenere la pandemia in primavera, si potrà finalmente tornare a fare scuola nelle aule. Vige ancora un pò di confusione sulle condizioni nelle quali si potrà riprendere l’insegnamento; il protocollo diventa più trasparente via via che ci avviciniamo alla data x. Quel che già sappiamo, ad ogni modo, è cosa non mancherà sicuramente, quest’anno, nello zaino dei nostri ragazzi: la mascherina chirurgica usa e getta.

La mascherina chirurgica in classe

Fino a qualche giorno fa, sembrava non ci sarebbe stato alcun obbligo di indossare la mascherina a scuola. Il distanziamento sociale tra i banchi e l’abolizione, piuttosto triste, dei compagni di banco apparivano sufficienti. Poi l’impennata dei casi – siamo tornati ad avere un numero quotidiano di positivi ampiamente superiore alla soglia psicologica di 1000 nuovi contagiati da COVID – e il dietrofront: mascherine anche in aula.

Il comitato tecnico incaricato dal Ministero dell’Istruzione di stilare un protocollo per la ripresa delle lezioni in sicurezza è stato chiaro. Le mascherine chirurgiche andranno indossate alle scuole primarie di primo grado – le elementari – solo in caso di spostamenti. Nelle primarie di secondo grado e nelle secondarie – medie e superiori – invece, l’obbligo di indossare la propria mascherina chirurgica resta anche al banco. Ovviamente, questa normativa è suscettibile di modifica ma, per il momento, questo è quanto.

Chi fornirà queste protezioni individuali? Ogni istituto dovrà fornire ai propri iscritti e docenti, così come a tutto il personale, una mascherina chirurgica giornaliera. Il piano del Commissario Speciale per l’emergenza coronavirus, Domenico Arcuri, è quello di raggiungere una fornitura quotidiana di 11 milioni di mascherine chirurgiche usa e getta destinate alle scuole. I dispositivi di protezione avranno taglie e misure differenti a seconda delle età di coloro i quali ne faranno uso. Ogni istituto dovrà organizzare la distribuzione mattutina della mascherina chirurgica facendo in modo di evitare assembramenti. Che cosa significano, in termini ambientali, 11 milioni di protezioni monouso al giorno?

Leggi anche: “La mascherina e il suo impatto sull’ambiente”

Una pessima decisione

In soldoni, fornire ogni giorno 11 milioni di mascherine chirurgiche significa produrre, quotidianamente, 44 milioni di tonnellate di rifiuti da smaltire tramite incenerimento. Non vi è infatti altro modo di disporre di rifiuti sanitari potenzialmente infetti.

Nel servizio di Quotidiano.Net, la decisione di fornire alle scuole 11 milioni di mascherine chirurgiche

Se questi numeri ci fanno tutt’altro che piacere, dato che già conviviamo abitualmente con mascherine chirurgiche gettate a terra o nei mari, ancora meno ce ne farà sapere che alunni e insegnanti dovranno utilizzare rigorosamente una mascherina chirurgica usa e getta. Quella di stoffa sarà consentita solo laddove la scuola non sarà in grado di fornirla. La decisione appare pessima, presa senza alcun briciolo di considerazione per l’ambiente. Anche dal punto di vista educativo sarebbe stato preferibile evitare di appesantire in questa maniera la rete impiantistica di smaltimento e trattamento dei rifiuti, insegnando magari ai ragazzi che l’ambiente va tutelato evitando, per quanto possibile, l’immissione in esso di nuova plastica.

Per quale motivo questa distinzione? Che cosa cambia effettivamente nell’utilizzo di una mascherina di stoffa rispetto a quello di una chirurgica in materiale plastico monouso?

Mascherina chirurgica e mascherina riutilizzabile

Ritorna utile, a questo punto, approfondire rapidamente per quale motivo si preferiscano dispositivi di protezione usa e getta rispetto a quelli riutilizzabili. La questione principale è la certificazione.

La mascherina chirurgica di uso medico, da utilizzare in ambiente prettamente sanitario, è certificata in base alla sua capacità di filtraggio. Essa risponde a tutte le caratteristiche richieste dalla norma UNI EN ISO 14683 – 2019 che ne sancisce la sua capacità di impedire trasmissioni di germi, batteri e virus. Diversamente, la mascherina riutilizzabile è poco più della sciarpa che adoperiamo, in pieno inverno, per mantenere caldi collo e naso.

Il decreto legge del 17 marzo scorso, emesso in piena crisi sanitaria, stabilisce, all’articolo 16 comma 2, come la mascherina di comunità (riutilizzabile) non sia soggetta ad alcuna particolare certificazione. Inoltre, non si può considerare dispositivo medico e neppure di protezione individuale DPI. Essa è semplicemente una misura igienica utile a impedire la diffusione del virus. Alla luce di ciò, dobbiamo rassegnarci a non poter fare a meno di dover buttare una mascherina al giorno? Non esiste davvero un’altra soluzione?

In realtà no, esistono – seppur siano poche note – aziende d’eccellenza che producono mascherine riutilizzabili e certificate. Le prestazioni di questi dispositivi sono integralmente assimilabili a quelle di una mascherina chirurgica, come traspirabilità, pulizia dai microbi ed efficienza nella filtrazione batterica. Alcuni test dell’Istituto Superiore di Sanità hanno certificato che la protezione resta inalterata fino al ventesimo lavaggio.

Una protezione che non minacci l’ambiente

Il direttore generale di Legambiente, Giorgio Zampetti, è voluto intervenire sul tema e ha affermato: “Auspichiamo che venga predisposta una fornitura adeguata di dispositivi riutilizzabili certificati. Equiparabili alla mascherina chirurgica monouso. Per ridurre il quantitativo di usa e getta che circola nel Paese, garantendo comunque la tutela della salute e invogliando e sollecitando gli studenti a utilizzare protezioni lavabili. La riapertura delle scuole è il più grande cantiere civico che il nostro Paese si trovi ad affrontare. La prevenzione la faranno gli strumenti ma anche la consapevolezza e i giusti comportamenti da assumere per garantire la protezione dal virus.”

Zampetti ha colpito nel segno. Non dimentichiamo infatti che la mascherina chirurgica, così come i guanti monouso, è un prodotto figlio della lavorazione di materiali plastici. Dopo essere stati utilizzati, essi vanno ad aggiungersi alla già più che eccessiva mole di rifiuti dalla stessa composizione che ogni giorno produciamo e troppo spesso disperdiamo nell’ambiente. Sembra che a scuola quest’anno si insegni l’educazione ambientale, chissà che i nostri ragazzi non imparino a smaltire in maniera corretta i loro rifiuti.

Ultimamente, da quando il nuovo coronavirus è entrato prepotentemente nelle nostre vite, i dispositivi di protezione individuale sono diventati il principale rifiuto prodotto dalla nostra società, diffuso davvero in ogni dove dalle Alpi alle Ande, mari compresi. La scelta di fornire agli studenti una mascherina chirurgica giornaliera appare come altra benzina gettata su un fuoco che già crepita deciso. È chiaro che il nostro Paese e la nostra comunità abbiano bisogno della scuola; dobbiamo però fare attenzione che l’istruzione non riparta a danno dell’ambiente.

Leggi anche: “Educazione ambientale a scuola da settembre”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: